CAKE ALLA BANANA

Nato stamattina dalla revisitazione di una mia vecchia ricetta per plum cake.
L”ho regalato al mio amore che poverino si è rotto il ginocchio. Gli ha portato un po’ di sollievo.

CAKE ALLA BANANA

2 uova intere
150gr zucchero
vanillina
1/2 bicchiere di latte (*)
1/2 bicchiere di olio leggero
sale
250gr farina (**)
1 bustina di lievito scarsa
1 banana
1 cucchiaio di succo di limone

Prima di cominciare ad impastare, si deve tagliare la banana a pezzetti e lasciarla macerare col succo di limone e con 1 cucchiaio di zucchero preso dal totale.
Montare le uova con lo zucchero rimasto e la vanillina, aggiungere l’olio a filo, un pizzico di sale.
Frullare la banana compreso del sughetto che si sarà formato col latte usando un frullatore ad immersione.
Aggiungere il frappè al composto e la farina, un paio di cucchiai per volta.
In un bicchiere pulito mettete il lievito, copritelo con un goccio di latte e mescolate con un cucchiaino fino a quando non si formerà una schiuma che si mescolerà all’impasto.
Imburrare e infarinare uno stampo per torte di diametro 22cm o da plum cake e cuocere in forno caldo per circa 40 min.
Sfornare, lasciar raffreddare e cospargere con zucchero a velo e cannella (se piace).

* Io ho usato latte di soia
**Io ho usato farina g.f.

E’ leggerissimo e profumato. Piacerà anche a chi non è particolarmente amante dei dolci alla banana.

Gata

CAKE ALLA BANANAultima modifica: 2006-09-15T20:40:00+00:00da gata78
Reposta per primo quest’articolo

6 pensieri su “CAKE ALLA BANANA

  1. bella ricetta, invece delle uova metterò la maizena, sostituendo il lievito, se mi permetti….ado ro le banane, hanno tanto potassio e, nei giorni di freddo, aumentano il calore corporeo e nello stesso tempo alimentano tantissimo… spero il tuo compagno stia presto bene….Felicit á…RINO, coll’acquolina in bocca…..

  2. Caro Rino, so che ci sono vari tipi di “vegetariani” , e mi par di capire che tu sia fra quelli che non mangiano le uova. ma tu come fai a compensare le proteine che la carne, le uova e i formaggi apportano all’organismo umano? Ci vuole una profonda conoscenza delle proprietà degli alimenti per vivere in modo sano ugualmente. Spesso si sente di vegetariani che trascurando queste cose finiscono per ammalarsi. Credo che con un po’ di curiosità ed impegno in più non avrebbero di questi problemi. Un abbraccio,
    Gata

  3. Ciao Gata, ccercheró di dirti qualcosa su come io mi alimento, non é una regola generale, ognuno di noi ha un corpo da alimentare e ogni corpo ha diverse necessitá (chi lavora fisicamente duro, chi è impiegato, chi è in pensione, etc.etc.)….le proteine li prendo dalla soya, toffu, lenticchie, fagioli e specialmente dalla quinoa…il calcio dal sesamo, dalle verdure…vitam ina C dalla frutta…person almente non mangio né carne, né uova, né pesce e derivati da questi…sono giá piú di 15 anni e la mia salute, fino ad ora é buona….il mese scorso ho fatto analisi generali di tutto, tutto ció che si potrebbe fare, il dottore dopo un paio di minuti di silenzio e guardandomi con una strana faccia, mi dice: “lei ha un corpo come un ragazzo di 15 anni, i valori medi sono perfetti”….u so anche le erbe, uso la medicina cosiddetta alternativa (?)…qualche volta per prevenire adopero: Echinacea, per raffreddori etc.; magnesio, l’elemento della felicitá che aiuta ad equilibrare l’apparato digestivo, come antibiotico, mai adoperato sino ad ora, la calendula, l’aglio….non só, potrei scrivere tantissime cose…dimmi tu …..ti auguro una buona giornata e tanta felicitá…..Ri no…

  4. Lo immaginavo. A proposito, ho a casa della quinoa ma non so come cucinarla… Non è che avresti qualche consiglio? Il mio riflessologo si era fatto una specie di elisir a base di aglio che doveva assumere a gocce 3 volte al giorno per qualche tempo. Me ne ha parlato molto bene ma io non mi arrischio..l’a glio proprio non lo sopporto. Però se ti può interessare mi faccio dire la posologia e la ricetta. Mi ha detto che è una antica ricetta tibetana (o qualcosa del genere). L’echinacea l”ho presa per un po’ ma poi ho saputo che per chi ha problemi di tiroide è controindicata e quindi l’ho abbandonata. Il magnesio, mi hanno detto che è un toccasana per i periodi di sovraffaticamen te e può anche aiutare chi ha problemi di insonnia. Secondo te, potrei prenderlo io? Ti spiego. Io sto preparando la mia tesi, sono sempre in giro dalla mattina alla sera, sempre al computer e quando arrivo al momento di dormire non riesco a rilassarmi…a proposito di ritmi sfrenati!!! Un’abbraccio. Gata

  5. la quinoa la puoi usare aggiungendone un cucchiaio nella zuppa o nel riso, o dove meglio credi….il magnesio: lo puoi prendere quando vuoi, il corpo elimina l’eccessivo… eppoi il magnesio é una panacea…non mi risulta che l`echinacea abbia delle controindicazio ni, devo informarmi meglio, strano…..
    abbracci…..Ri no

Lascia un commento