LE MIE LETTURE: “UNDICI MINUTI” DI P. COELHO

Una delle mie ultime letture è stata proprio “Undici Minuti” di Coelho. Come ho già detto precedentemente mi piace molto come autore (sarà vero che è un autore per donne???) anche se devo ammettere che, seppure molto bello come libro, non è stato uno dei miei preferiti. Comunque per chi è estimatore dell’autore non può perderselo.

In sintesi:“Undici minuti” racconta la storia di Maria, una giovane ragazza brasiliana che, seguendo il miraggio di una vita più facile, si trasferisce da Rio de Janeiro in Europa, a Ginevra. Qui, dopo il tentativo di lavorare come modella, comincia a esercitare la prostituzione e, dagli incontri con i suoi clienti, sviluppa la sua particolare conoscenza del mondo. Gli undici minuti del titolo, il limitato arco di tempo che Maria dedica a ciascun uomo, diventano quindi lo strumento attraverso il quale la ragazza entra in contatto con l’anima degli sconosciuti che incontra. E sarà proprio uno di questi uomini, il pittore Ralf Hart, ad aprirle le porte di una nuova consapevolezza.

Descrizione: Nel suo nuovo romanzo Paulo Coelho continua la sua meditazione sulla vita, sull’animo umano e sulla spiritualità che è da sempre al centro dei suoi libri. Questa volta le sue riflessioni ruotano attorno al tema della sessualità, considerata uno strumento di conoscenza ed esplorazione di sé. Lo scrittore brasiliano, divenuto famoso grazie all’Alchimista, Sulla sponda del fiume Piedra mi sono seduta e ho pianto, Il Cammino di Santiago e altri romanzi di successo internazionale, affronta senza reticenze il tema del sesso in tutti i suoi risvolti, dalla masturbazione al sadomasochismo, dall’orgasmo al “punto G”, mantenendosi però sempre fedele a quell’ansia di ricerca spirituale che lo ha reso caro ai lettori di tutto il mondo.
Tutto comincia con il sogno di una giovane donna brasiliana, Maria, che, dopo avere conosciuto un impresario teatrale sulla spiaggia di Rio de Janeiro, accetta di trasferirsi a Ginevra per intraprendere la carriera di ballerina di samba. Purtroppo non riuscirà a realizzare il suo progetto e finirà presto in un night club di Rue de Berne, il quartiere a luci rosse di Ginevra. Con l’ingenuo cinismo di chi non ha ancora conosciuto l’amore, Maria eserciterà la prostituzione non solo per sopravvivere e recuperare il denaro necessario a tornare in Brasile e comprare un’azienda agricola, ma anche per conoscere appieno il mondo e l’anima delle persone. «Il mio obiettivo è comprendere l’amore», scrive la protagonista tra le pagine del suo diario: cercherà di farlo sforzandosi di cogliere l’essenza del sentimento attraverso la lente di fugaci appuntamenti che la sua attività le impone. Ma solo l’incontro con un uomo speciale, un artista di nome Ralf Hart, riuscirà a farle vivere e comprendere ciò che conta davvero…
Esperto narratore e fine indagatore dei segreti dell’anima, Paulo Coelho, riesce ad affrontare anche i temi più impegnativi senza rinunciare a una narrazione scorrevole e di piacevole lettura. La passione, la magia del desiderio, i piaceri, i misteri, la spiritualità e la sacralità dell’amore sono i veri protagonisti di questo suo primo romanzo erotico; una storia di grande intensità emotiva che invita alla riflessione senza mai perdere la sua freschezza e la sua spontaneità.

Per chi desiderasse un approfondimento ho trovato questo sito molto interessante: L’amore per P. Coelho .

Gata

LE MIE LETTURE: “UNDICI MINUTI” DI P. COELHOultima modifica: 2006-10-15T09:20:00+00:00da gata78
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “LE MIE LETTURE: “UNDICI MINUTI” DI P. COELHO

Lascia un commento