IN RICORDO DI UNA SPLENDIDA GIORNATA A SIRMIONE

“O Sirmione, gemma di tutte le penisole e isole,
Tutte quelle che (isole e penisole) nei limpidi laghi
E nel vasto mare sostiene l’uno e l’altro Nettuno,
Quanto volentieri e con quanta gioia torno a vederti,
A stento credendo di avere finalmente lasciato la Tinia e
I campi Bitini e di vedere te salvo.
Ah che cosa c’è di più dolce dell’essere libero da preoccupazioni,
Quando l’animasi libera del peso, e
Stanchi della fatica del viaggio giungiamo alla nostra casa
E riposiamo nel letto desiderato.
Questa è l’unica ricompensa, in cambio di tante fatiche.
Ti saluto, o bella Sirmione, e godi per il padrone:
Godete anche voi, od onde lidie del lago:
Ridete, o voi tutte risate, che siete nella mia casa.”

(C. Valerio Catullo. Carmina. Ritorno a Sirmione)

IN RICORDO DI UNA SPLENDIDA GIORNATA A SIRMIONEultima modifica: 2007-03-25T14:45:00+00:00da gata78
Reposta per primo quest’articolo

12 pensieri su “IN RICORDO DI UNA SPLENDIDA GIORNATA A SIRMIONE

  1. grazie per l’invito, mi sto già leccando le orecchie… se avete una sezione “incendi dolosi e altre calamità” parteciperò più che volentieri!

  2. bellissima città!l’anno scorso ho tradotto questa poesia di catullo…lasci amo perdere!ho letto il tuo post su “La finestra di fronte”:sono d’accordissimo !un film meraviglioso e commuovente, di quelli che restano nel cuore. ciao buon inizio settimana!giuli a

  3. Ho dei bellissimi ricordi di Sirmione, anche se un pochino tristi devo dire. Ma sei tu che hai fatto quelle foto? Sono proprio belle e la definizione non è certo come quella che hai utilizzato tempo fa, ti sei tecnologicizzat a? 🙂 Bacetto. Claudio

I commenti sono chiusi.